Spesso si tende a utilizzare erroneamente il termine di assistente amministrativo segretario come se fosse il sinonimo di segretario studio medico. In realtà, si tratta di due figure professionali ben distinte chiamate a espletare mansioni diverse. Vediamo nel dettaglio quali sono le principali differenze tra queste due figure e cosa fanno nello specifico.

Chi è e cosa fa un segretario studio medico

Un segretario di studio medico è una figura molto importante all’interno sia di uno studio privato sia di uno studio pubblico. Si occupa nello specifico di tutte quelle attività amministrative e organizzative che permettono di gestire l’attività professionale di un medico, organizzando gli appuntamenti e occupandosi anche della gestione dell’archiviazione di tutti i documenti previsti per la professione sanitaria. Volendo dare una definizione piuttosto esemplificativa, si può dire che un segretario di studio medico è la figura professionale che funge da interfaccia tra i pazienti e il medico stesso.

Non a caso quando un paziente contatta uno studio medico oppure una clinica veterinaria, ha un contatto non con il professionista bensì con il segretario dello studio medico. Il segretario, tuttavia, non dovrà soltanto rispondere alle chiamate e alle esigenze dei pazienti ed organizzare gli appuntamenti ma anche gestire tutto l’aspetto logistico della struttura partendo dalla gestione dei rifornimenti e delle scorte fino ad arrivare alla gestione e il disbrigo delle procedure legate alle assicurazioni sanitarie dei vari pazienti.

Chi è e cosa fa un assistente amministrativo sanitario

In molte strutture di pubblica amministrazione oppure anche in quelle private, è prevista una figura professionale molto importante come quella dell’assistente amministrativo sanitario. Egli svolge un ruolo fondamentale per il corretto funzionamento di tutta la struttura anche perché deve occuparsi di più ambiti in assenza di figure professionali superiori. Da un punto di vista normativo, un assistente amministrativo sanitario deve svolgere tutte le mansioni amministrative contabili necessarie per una determinata struttura anche mediante l’utilizzo di strumentazioni e apparecchiature di vario genere, sia di natura meccanografica che elettronica. L’assistente amministrativo sanitario, insomma, deve essere in grado di utilizzare al meglio i software gestionali e altre soluzioni adeguate per qualsiasi esigenza amministrativa. Le principali mansioni amministrative che deve gestire sono nello specifico:

ricezione e istruttoria documenti;

compiti di segreteria;

attività di informazione;

collaborazione ad attività di programmazione, studio e ricerca.

In pratica, l’assistente amministrativo sanitario si occupa soprattutto di funzioni amministrative, ma anche di organizzazione. Può operare sia all’interno di strutture pubbliche, sia nel privato mettendo a disposizione la competenza e le proprie conoscenze in qualsiasi genere di ufficio amministrativo. L’assistente amministrativo sanitario è una figura indispensabile all’interno di una struttura sanitaria, ma è prevista anche per altre strutture differenti come le imprese private, gli studi professionali, gli uffici pubblici, le scuole e tanto altro.

Le differenze tra assistente amministrativo sanitario e segretario di studio medico

La prima e più importante differenza tra queste due figure professionali è relativa alla mansione. L’ assistente amministrativo sanitario si occupa soltanto di mansioni amministrative relative a uffici amministrativi, mentre il segretario di studio si occupa anche dell’archivio di documentazioni, dell’interazione con i pazienti, della gestione e della programmazione delle varie visite specialistiche fissate e tanto altro. Inoltre, un assistente amministrativo sanitario deve necessariamente avere uno specifico percorso formativo.

Ad esempio, all’interno di un’Asl, l’assistente amministrativo sanitario si occupa anche della gestione degli stipendi mensili dei vari operatori in virtù del relativo contratto di collaborazione, delle varie ore di lavoro svolto e molto altro. Talvolta, può succedere che l’assistente amministrativo sanitario si occupi non solo di amministrazione in generale, ma anche di altre situazioni come l’assunzione di nuove figure professionali oppure situazioni relative alla logistica.

Proprio la logistica può essere un punto di contatto tra le competenze di un assistente amministrativo sanitario e quelle di un segretario di studio medico. Altra differenza marcata tra queste due figure è relativa all’ambito di competenza. In pratica, l’assistente amministrativo può operare tendenzialmente in qualsiasi ufficio amministrativo a prescindere dal settore e soprattutto sia in ambito privato che pubblico.

Invece, il segretario di studio medico è una figura appositamente pensata per quelle che sono le esigenze di uno studio medico specifico. Ovviamente, non ci sono preclusioni rispetto alla tipologia di specialista che opera in un determinato studio medico per cui il segretario può essere di supporto a un oculista, un ginecologo, un cardiologo e qualsiasi altro specialista. Talvolta, il segretario di studio medico può anche occuparsi di contabilità.

Per quanto concerne la loro formazione, il corso CEF per Segretaria di studio medico e odontoiatrico 4.0 prepara una nuova figura professionale di segretaria/o, nata dall’unione dei ruoli di segretaria di studio medico e segretaria di studio dentistico con l’acquisizione di nuove skills digitali, sempre più richieste. L’impronta di formazione è idonea anche per chi intende intraprendere un percorso lavorativo come assistente amministrativo sanitario e si rivela utile anche come preparazione agli appositi quiz di ingresso.

Mostra i CommentiDisabilita commenti

Lascia un commento