Il pane azzimo, meglio conosciuto come pane senza lievito, è un alimento che veniva particolarmente prediletto nel passato per accompagnare la consumazione di un pasto, o come semplice spuntino. Si tratta di una ricetta estremamente semplice, che prevede un impasto con solo l’utilizzo di farina, di acqua e una cottura estremamente veloce. Per molti secoli l’uomo ha utilizzato soltanto questo genere di pane, in particolare fino alla scoperta dei lieviti.

In realtà, questo prodotto è molto salutar per l’uomo e non a caso ancora oggi si continua a produrre pane senza lievito in alcune parti dell’Italia, come la Sardegna, oppure nel mondo, come il pane arabo molto usato in tutta la penisola araba e nel resto del Medioriente. Inoltre, questo viene utilizzato nei principali riti religiosi come la messa cristiana (la classica ostia). Ma quali sono le reali caratteristiche e i vantaggi del mangiare il pane senza lievito?

I vantaggi del pane senza lievito

Questo genere di pane è perfetto per essere consumato da tutte le persone, soprattutto da soffre d’intolleranza ai lieviti o di altre patologie che riguardano la sfera alimentare. Inoltre, il suo apporto nutrizionale è estremamente funzionale alle esigenze quotidiane, in quanto pari a 377 kcal per ogni 100 g di prodotto. Questo significa che il pane lievitato è molto più energetico rispetto al pane che viene consumato quotidianamente sulle tavole degli italiani.

Un altro motivo per il quale ancora oggi si continua a preparare il pane senza lievito è la semplicità nel processo di preparazione. Infatti, non ci sono particolari ingredienti da dover acquistare presso il negozio e soprattutto non esistono tempi di fermentazione e di lievitazione. In poco tempo si può completare l’impasto e cuocerlo in forno per alcuni minuti. In aggiunta, questo può essere consumato per un periodo più lungo rispetto a quello con lievito mantenendo il suo sapore e una croccantezza molto gradevole, che gli permette di essere un ottimo ingrediente per gli antipasti.

Perché fa bene il pane senza lievito?

A proposito di questioni salutari, pochi sanno che il pane senza lievito è completamente privo di colesterolo. Questo significa che è una soluzione adeguata a chi soffre di patologie cardiovascolari e per chi deve cercare di gestire il quantitativo di colesterolo nel sangue. In più, in ragione della mancanza del lievito, il prodotto è anche ricco di fibre, soprattutto se si scelgono gli impasti con farine multicereali e integrali. Per questo motivo diventa un importante alleato per chi vuole regolare le funzionalità dell’intestino.

La mancanza di lievitazione è un vantaggio anche per chi solitamente deve fare i conti con problemi di natura intestinale. Infatti non è un mistero che prodotti realizzati con lievito di qualsiasi genere possono comportare situazioni di gonfiore per la pancia e di meteorismo, il quale con il tempo può provocare un problema invalidante di non poco conto.

Infine, consumare pane senza lievito permette di acquisire un ottimo quantitativo di vitamine B, di acido pantotenico e vitamina B12. Incentrare una dieta sull’utilizzo del pane di questa tipologia, significa anche poter disporre dell’importante potere di tenere sotto controllo l’ipertensione e prevenire e contrastare il reflusso gastroesofageo.

Mostra i CommentiDisabilita commenti

Lascia un commento