Le meringhe sono dei gustosi dolci che piacciono a grandi e piccoli, inconfondibili per la loro leggerezza e proverbiale friabilità. Vengono preparati utilizzando albumi di uova e zucchero e possono essere abbinati al meglio con altre bontà dolciarie, come dessert cremosi e gelati. A prescindere dalla ricetta e dalla tipologia di preparazione è necessario conservarle le meringhe adeguatamente per poterle gustare più a lungo.

Come conservare le meringhe in barattoli di vetro

Per preservare nel tempo il loro sapore e soprattutto la loro consistenza, le meringhe devono essere conservate in maniera tale da minimizzare il contatto con l’aria. Occorre ricordare che è sconsigliato cercare di conservare le meringhe decorate, perché in questo caso si accelera la deperibilità. Per cui se si decide di decorare con fantasia le meringhe vanno direttamente consumate o al più tardi entro 24-36 ore, altrimenti si rischia di ritrovarsi con un prodotto non più friabile e meno gustoso.

La migliore tecnica per la conservazione delle meringhe è quella di utilizzare un barattolo di vetro con chiusura ermetica. Al suo interno va sistemato il dolce con l’accortezza di posizionare successivamente il barattolo di vetro in un luogo che sia asciutto e contemporaneamente ombreggiato. Infatti è indispensabile che non ci sia un contatto diretto con i raggi solari. Con questi semplici accorgimenti, le meringhe possono essere conservate anche per un mese. Il gusto sarà sempre ottimale, così come pure la consistenza. Questa tecnica è ideale per chi ha l’abitudine di utilizzare spesso le meringhe per decorare una torta.

Alcuni accorgimenti per la conservazione corretta delle meringhe

Conservare le meringhe in un barattolo di vetro è certamente il metodo migliore, perché le caratteristiche di questo materiale sono ottimali per evitare che l’umidità possa entrare a contatto con il prodotto e comprometterne la bontà. A tal proposito è bene rimarcare come siano sconsigliati i contenitori in ceramica, perché hanno una composizione porosa e quindi permettono all’aria di entrare e di essere a contatto con le meringhe. In aggiunta, si consiglia d’inserire un foglio di carta da forno tra i vari strati di meringhe e anche sotto il coperchio. In questo modo si evita che le meringhe si schiaccino tra di loro e si incollino.

Conservare le meringhe congelandole

Un altro ottimo metodo per conservare a lungo le meringhe è quello di congelarle in un contenitore ampio e poco profondo. Il procedimento va messo in atto non appena i dolci sono stati sfornati inserendoli in un contenitore senza coprirlo e posizionandolo nel frigo per farle raffreddare.

Il tempo di conservazione deve comunque non essere superiore ai 30-35 giorni, altrimenti si rischia che il prodotto possa deperire. Quando si andranno a utilizzare le meringhe congelate occorre tirarle fuori almeno 3 ore prima dell’utilizzo o consumazione. L’ideale sarebbe farle scongelare a una temperatura di circa 23 gradi, per poi riscaldarle in forno. Un altro piccolo consiglio, per evitare che le meringhe possano presentarsi troppo morbide, è quello di fare in modo che la fase di scongelamento non avvenga in un ambiente umido. Per scoprire tutti i segreti di conservazione dei dolci è consigliabile seguire un corso di esperto di arte dolce, ad esempio i corsi erogati dal centro di formazione CORSICEF® (CEF Publishing Spa). Infine, per quanto concerne la fase di riscaldamento bisogna utilizzare un forno preriscaldato a 120 gradi per massimo 20 minuti.

Tempi di conservazione delle meringhe fatte in casa

La durata di preservazione delle meringhe fatte in casa oscilla a seconda della tecnica che si utilizza per la conservazione. In particolare abbiamo visto che riponendo questo prodotto in un barattolo di vetro chiuso ermeticamente, si possono conservare per un mese o al massimo un mese e mezzo. Se invece si utilizza la tecnica di congelazione, allora è bene non superare i 30 giorni altrimenti ci si potrebbe ritrovare con un prodotto poco gustoso e con consistenza non ottimale. Inoltre è anche possibile conservare la meringa non cotta direttamente in freezer per un massimo di 15 giorni. In questo caso bisogna utilizzare un contenitore dal fondo piatto e coprire con la pellicola alimentare.

Mostra i CommentiDisabilita commenti

Lascia un commento