Il settore della nail art è in costante crescita. A dimostrarlo sono i numeri di nuovi addetti al settore, donne e uomini, che decidono di dedicare la loro opera professionale nel campo dell’onicotecnica. Ma perché si investe in questo campo? Molte donne, sia per stile che per necessità, hanno il desiderio di mantenere le proprie mani sempre in ordine e curate. Alcune scelgono decorazioni più estrose mentre altre, anche per il tipo di professione che svolgono, preferiscono uno stile più sobrio.

Vuoi diventare Nail Artist?
Scopri subito il Corso "Percorso Immagine" con Diego della Palma

Ogni donna, almeno una volta nella vita, si è trovata ad avere a che fare con il mondo della nail art e dell’onicotecnica. Ma come diventare nail artist? È bene fare un po’ di chiarezza.

Cos’è la nail art

La nail art è un insieme di conoscenze, sia di tipo pratico che tecnico, relative al mondo dell’estetica dell’unghia. Grazie alla formazione da nail artist, è possibile decorare in modo creativo, protesi artificiali o unghie naturali.

Per diventare professionisti del settore è necessario un percorso formativo. Infatti non è possibile improvvisarsi nella nail art, poiché i pericoli in cui si potrebbe incorrere sono tanti.

Dedicarsi all’estetica delle unghie, infatti, prevede a monte una conoscenza della sua struttura, peculiarità ma anche funzioni e dimensione anatomica. È necessario conoscere anche tutto ciò che riguarda l’igiene. In questo modo si potrà operare in tutta sicurezza senza arrecare danni alla cliente che si approccia al trattamento.

Uno dei primi consigli utili per diventare nail artist, è quello di acquisire le giuste competenze non solo di carattere estetico, ma anche relative all’anatomia e alla cura dell’unghia. Per questo motivo è necessario approcciarsi al campo dell’onicotecnica. Questa specializzazione permette al professionista di operare in un raggio lavorativo più ampio.

Come diventare nail artist professionisti? Di certo è necessario affidarsi a scuole e a corsi dedicati proprio a questa “arte”. Saranno i docenti, dall’alto della loro preparazione, a fornire tutti gli strumenti necessari per acquisire la giusta conoscenza e iniziare a fare esperienza nel campo estetico.

Perché scegliere l’onicotecnica per la specializzazione

L’onicotecnica è fondamentale per chi vuole fare della nail art una professione. Si tratta di una specializzazione molto utile, volta a risolvere alcuni problemi importanti che possono colpire l’unghia, come l’onicofagia. In questo caso, infatti, l’estetista, o la nail artist specializzata va a soccorrere proprio l’unghia “malata” curandola alla base e rendendola piacevole alla vista e ordinata.

L’onicotecnica e la nail art, quindi, si occupano della salute delle unghie, ricostruzione dei vari strati e infine, decorazione di ogni genere. Per avventurarsi in questo campo è necessario avere attitudine alla precisione e alla pazienza, poiché la cura delle unghie non è semplice.

Lo specialista deve sempre studiare e aggiornarsi sui trattamenti più adeguati, sia per le unghie delle mani che di quelle dei piedi. Per operare deve servirsi di una strumentazione sempre sterilizzata e di tecniche poco invasive. Il cliente, durante questa seduta, dovrà sentirsi a proprio agio, in questo modo potrà vivere un’esperienza piacevole, ma soprattutto in pieno relax.

Il nail artist esperto, infine, dopo aver sfoggiato le sue conoscenze sanitarie, si occuperà di decorare e sistemare esteticamente le unghie. Sono famose le applicazioni di colori differenti, arricchiti da disegni e applicazione di strass, per chi desidera osare.

Il nail artist lavora sia su unghie naturali che artificiali. Il tutto dipende dallo stato in cui si trova la superficie su cui operare. È chiaro che lo smalto, potendo provocare reazioni che vanno a compromettere la salute dello strato inferiore, spesso viene applicato su un’unghia cosiddetta artificiale, dando la possibilità di ricrescere naturalmente senza alcun contatto con liquidi aggressivi.

Come diventare nail artist?

Svolgere l’attività di onicotecnico e nail artist non prevede il rispetto di un regolamento specifico. Infatti non esiste un iter ben delineato ma di sicuro, si sa che è necessario fare riferimento alla normativa che regola l’attività estetica. Nella fattispecie si parla della legge numero 1 del 1990.

La mansione di nail artist che non comprende la cura dell’unghia dal punto di vista sanitario, non prevede il rispetto della legge sopracitata. Se per diventare onicotecnico è necessario seguire un corso da estetista, per diventare nail artist è possibile seguire dei corsi dedicati, sicuramente meno impegnativi, che possono aprire un mondo di nuove opportunità lavorative.

Vuoi diventare Nail Artist?
Scopri subito il Corso "Percorso Immagine" con Diego della Palma

Mostra i CommentiDisabilita commenti

Lascia un commento