Il sovrappeso e l’obesità del cane sono due tra le malattie più comuni nei i cani e, se non prese seriamente, rischiano di far incorrere il nostro amico a quattro zampe in seri pericoli. Oltre che la malattia in sé, il peso eccessivo può comportare tutta un’altra serie di problematiche fisiche come diabete, dolore alle articolazioni e difficoltà a camminare.

Anche se molto spesso risulta difficile non dare nulla al nostro cane quando ci fa il musetto dolce, dobbiamo fare comunque molta attenzione. Se accade una volta ogni tanto non succede nulla, ma se dovesse diventare una tendenza rischia di contrarre una di quelle patologie.

Ma come facciamo a capire quando il nostro cane è in sovrappeso o addirittura obeso? Scopriamolo nei prossimi paragrafi.

Come capire quando il nostro cane è in sovrappeso?

Quando il cane è in sovrappeso dobbiamo allarmarci perché è lo stato che anticipa l’obesità. Il nostro compito sarà quello di monitorare costantemente la situazione, far sì che cali di peso e riportarlo ad uno stato di salute normale. Ma quali sono i sintomi che aiutano a capire tale stato patologico?

  • monitorare la coda: se risulta molto più ingrossata ed è presente molta massa tra la pelle e l’osso, può essere un primo sintomo di sovrappeso;
  • costole: quando si tocca l’addome del nostro cane e non si riesce a sentire la struttura delle costole a causa della massa in eccesso, è molto probabile che si trovi in uno stato di peso eccessivo;
  • struttura del cane: se lo si osserva dall’alto e si vede la schiena un pochino ingrossata, evidenzia un problema di peso;
  • profilo del cane: se si guarda il cane di profilo e i lineamenti dei fianchi non sono ben delineati, vuol dire che il nostro amico a quattro zampe è in sovrappeso.

Come capire quando il nostro cane è obeso?

Quando il cane incorre in questa grave patologia, bisogna mobilitarsi tempestivamente per non peggiorarla ulteriormente. In questo stato, lo vedremo molto più stanco, scoraggiato e svogliato anche nel fare una semplice passeggiata. Quali sono i sintomi che ci aiutano a capire che si trova in tale situazione?

  • esaminare le costole: quando non si percepiscono al tatto, vuol dire che lo stato di obesità del cane è elevato;
  • spina dorsale: quest’ultima, come anche nelle spalle e sulla schiena, se si percepisce un pesante tessuto di grasso è molto facile che il cane si trovi in uno stato patologico serio;
  • controllare la coda: se si percepisce un tessuto adiposo anziché la struttura della coda, il cane è obeso;
  • osservare i fianchi: quando non si intravede un lineamento definito tra i suoi fianchi ma una struttura compatta e omogenea, è molto probabile che il vostro cane soffra di obesità.


Un’ultima considerazione da fare è quella di non concentrarsi solo ed esclusivamente sul peso. Ovvio che sia un fattore importante e da tenere presente, ma è bene monitorare i sintomi scritti in sovrimpressione, dato che un cane viene considerato obeso quando pesa più del 20% rispetto a quello ideale.

Cosa fare quando il cane è obeso? Ecco 9 consigli

1. Andare dal veterinario

Nel caso in cui si dovessero verificare uno di questi sintomi scritti nelle righe precedenti, è bene recarsi dal veterinario per far monitorare da un esperto la situazione. Grazie ad un suo controllo, se il tuo cane dovesse avere questa patologia, con il medico si potrà agire tempestivamente e non peggiorare ancora di più lo stato di salute del cagnolino.

2. Pianificare un programma di dimagrimento

Una volta portato dal veterinario e certificata la sua condizione clinica, insieme a lui potrete stilare un programma di dimagrimento. Con la voce di un esperto, sarà più semplice eseguire tutti i passi necessari per migliorare la condizione di salute del cane.

3. Cambiare il piano alimentare

Una volta definito il programma di dimagrimento, bisognerà sicuramente cambiare gli alimenti del tuo cagnolino. Il compito sarà quello di abbassare il numero di calorie giornaliere, per questo sarà necessario razionare il cibo.

4. Attività fisica

Parallelamente alla dieta, il cagnolino dovrà muoversi parecchio. Per questo sarà necessario farlo uscire di più – almeno un paio di volte al giorno – per almeno un quarto d’ora.

5. Monitorare il peso

È bene controllare il peso del cane. Non deve diventare un’ossessione ma è fondamentale capire se il piano alimentare stia funzionando. Ogni 10-15 giorni è il periodo perfetto.

6. Non credere a leggende

Chi dice che la sterilizzazione porti ad un aumento di peso millanta la realtà. Le due cause principali dell’obesità sono una maggiore assunzione di calorie e una scarsa attività fisica.

7. Evitare sensi di colpa

Affliggersi perché il cane è obeso è sbagliato: possiamo incolparci solo se non facciamo nulla per farlo migliorare.

8. Non avere paura che mangi poco

Vedere delle porzioni minori rispetto a prima del piano alimentare è assolutamente normale.

9. Mantenere il peso

Una delle cose più difficili è far mantenere il peso al vostro cane. Quando arrivano i risultati e il cagnolino esce dallo stato di obesità, non bisogna dargli più cibo o fargli fare meno attività fisica, altrimenti tutto il lavoro fatto sarà vanificato.

Essere aggiornati sulle corrette abitudini degli animali è importante ma le letture sul web non vanno mai sostituite ad un Corso di Assistente Veterinaria, come quello offerto da CORSICEF®, che accompagni lungo un percorso di formazione professionale adeguato.

Mostra i CommentiDisabilita commenti

Lascia un commento