Possiedi un cane dal portamento elegante e raffinato? Hai mai pensato di iscriverlo a un vero e proprio contest in cui numerosi cani di razza si sfidano per aggiudicarsi il titolo del più bel esemplare canino? Sai cosa sono i concorsi di bellezza per cani e come si svolgono? In queste gare, ogni partecipante alla competizione deve possedere delle caratteristiche e corrispondere a dei canoni istituzionali definiti dalla Federazione Cinofila Internazionale (o FCI). Se ritieni che il tuo cane meriti il red carpet, il requisito primario è mettere in risalto tutti i suoi pregi. Ecco i passaggi necessari per prepararlo al meglio al suo primo concorso di bellezza.

L’importanza della toelettatura

Ogni anno, in Italia e all’estero, si tengono delle esposizioni canine con l’obiettivo di premiare i candidati più rappresentativi di ogni razza ritenuta ufficiale dalla Federazione Cinofila Internazionale (attualmente ne sono state riconosciute ben 346!). Per partecipare a un concorso di bellezza è necessario ottenere innanzitutto un certificato di attitudine al campionato. Il patentino riconosce che il cane è un ottimo candidato per queste tipologie di competizioni.

Le prime caratteristiche valutate dagli esperti riguardano la morfologia dell’animale e altri valori estetici. Per esaltare la bellezza e tutti i pregi del tuo cane, quindi, rivolgiti a un bravo toelettatore. Il professionista possiede tutte le conoscenze e gli strumenti necessari per preparare in maniera adeguata il tuo cane alla gara. Solitamente i costi variano in base al tempo dedicato alla cura del pelo e delle unghie: in linea di massima si parla di circa 50 euro all’ora.

Se intendi prendertene cura direttamente, procurati tutti gli strumenti necessari. Per trattare il pelo corto avrai bisogno di un guanto apposito, un tagliaunghie, uno shampoo, un detergente, uno spazzolino e un dentifricio rigorosamente per animali. Per spuntare, invece, il pelo lungo (come quello dei cocker spaniel, dei barboncini, degli shitzu, oppure dei cani da pastori scozzesi) è necessario aggiungere una spazzola, o un cardatore. Sconsigliamo le forbici per i meno esperti. In sostituzione è possibile optare per una tosatrice utile per accorciare il pelo e creare tante nuove acconciature. È ammesso usare prodotti specifici per lucidare il manto e renderlo più setoso e morbido.

Per specializzarti in tagli particolari e sperimentare nuovi look, puoi frequentare un corso per diventare toelettatore organizzato da corsi CEF. Le lezioni hanno lo scopo di migliorare la modalità di relazione e interazione con l’animale durante tutte le fasi della toelettatura. Acquisirai nuove tecniche di taglio, tra cui:

• il taglio inglese, basato sulla creazione di braccialetti, o manicotti di pelo sugli arti inferiori che seguono le angolature posteriori dei cani;

• il taglio a leoncino, una tecnica stravagante, ma molto utilizzata nelle gare di bellezza. Gli arti senza pelo vengono completati da delle sorte di pompon alla fine delle zampe;

• il taglio all’olandese, dallo stile uniforme è un tipo di toelettatura molto utilizzata nelle mostre canine. L’unico particolare è la coda realizzata a pompon.

La socializzazione e il carattere del cane

I concorsi di bellezza per cani non si basano esclusivamente sulle caratteristiche morfologiche ed estetiche dell’animale, anche se sono importanti. Durante la sfilata, i giudici valuteranno anche il portamento e il comportamento del cane, il rapporto e la complicità con il padrone, per cui dovrai dimostrare di aver maturato questo aspetto e di avere un feeling più o meno intenso con il tuo amico a quattro zampe.

Educa correttamente il cane e coltiva la sua socializzazione. Una reazione negativa, infatti, potrebbe mettere a repentaglio la gara e compromettere la sua posizione in classifica. Se hai qualche dubbio, affidati alla competenza di un educatore cinofilo esperto.

Attenzione a non confondere l’addestratore cinofilo con l’educatore. Quest’ultimo, infatti, grazie a una formazione specifica è in grado di favorire lo sviluppo individuale, l’autonomia e la maturazione sociale del cane, migliorando le inclinazioni e le competenze fisiche e mentali dell’animale. Il professionista si occupa dell’educazione del proprietario, insegnando i metodi di comunicazione corretta e a comprendere i bisogni, l’etologia e il linguaggio del cane. Molte volte, infatti, i rapporti difficili sono causati da errori grossolani dell’uomo.

Cosa non dimenticare

Per partecipare a un concorso di bellezza, accertati che la documentazione sia in regola. Oltre al certificato di attitudine, verifica che anche il libretto delle vaccinazioni sia a norma. Porta con te una spazzola, un trasportino, un telo per proteggere l’animale dalle possibili correnti d’aria. Ovviamente, non dimenticare di premiare il tuo fedele amico a quattro zampe dopo ogni prestazione.

Mostra i CommentiDisabilita commenti

1 Commento

Lascia un commento