Ad usufruirne saranno due giovani desiderosi di imparare e che da oggi avranno nuove opportunità per entrare nel mondo del lavoro partendo dalla formazione

Il Centro Europeo di Formazione, da sempre sensibile a quelle realtà sociali che necessitano di una attenzione particolare del territorio e non, sostiene la Caritas Italiana nel contribuire alla formazione di chi ha maggiormente bisogno di un incentivo per raggiungere la meta. Ed è così che recentemente ha coronato il sogno di Bobo e di Alpha, giovani extracomunitari residente a Novara – città presso cui ha sede la scuola – desiderosi di imparare in maniera efficace un mestiere che possa introdurli concretamente nel mondo del lavoro.

La voglia di mettersi in gioco e migliorarsi

Bobo e Alpha, rispettivamente di 33 e 20 anni, hanno da sempre lavorato con impegno per riuscire a intraprendere un percorso formativo che potesse offrire loro l’opportunità di migliorare la propria condizione professionale. Spinti da grande forza di volontà, costanza e anche dalla passione verso l’universo legato alla cucina, hanno accolto con entusiasmo la possibilità offerta da CEF di frequentare, a titolo gratuito, il corso per Cuoco Professionista attraverso la consolidata formula e-learnig di cui il Centro Europeo di Formazione è leader italiano. La consegna del Corso sarà un vero dono di Natale perché avverrà proprio in questi giorni, ma senza un incontro formale della rappresentanza di CEF con gli allievi a causa delle misure anti-Covid e quindi direttamente al loro domicilio.

L’importanza di fare del bene

Un piccolo gesto ricco di significato nell’ottica di una sempre costante volontà, da parte della scuola, di fare impresa sostenibile senza dimenticare chi ha più bisogno. Già in passato CEF ha sostenuto la Caritas attraverso il progetto “Pro-Tetto: rifugiato a casa mia” rivolto ai migranti che avevano richiesto e ottenuto il diritto di asilo e che quindi avevano definito in modo chiaro la loro presenza in Italia. Tante sono le iniziative che di anno in anno sono state sostenute dalla scuola supportando fondazioni e associazioni come AICR, la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro e la Fondazione Telethon o in modo continuativo la Fondazione “I Bambini delle Fate” solo per citarne alcune. Tutto ciò a ribadire la sempre più forte volontà di essere una società BCorp che utilizza “il business come forza per il bene” e persegue il bene comune con il proprio operato.

Mostra i CommentiDisabilita commenti

Lascia un commento