Come capire se un bambino ha un deficit dell'attenzione?

Un approfondimento sul deficit dell'attenzione nei bambini Il deficit dell'attenzione è un particolare disturbo del neuro sviluppo. Si manifesta entro i primi 12 anni di età, e i sintomi hanno una durata di almeno 6 mesi. Una volta manifestatosi, e diagnosticato con correttezza, il disturbo può protrarsi sino in età adulta, e, così come ...

Bambini con disturbo dell'apprendimento: qual è l'approccio giusto?

Premessa: questo articolo non sostituisce in alcun modo il parere di uno specialista. Il disturbo specifico dell'apprendimento viene annoverato tra i vari disturbi legati al neuro sviluppo del bambino. La defezione stessa comincia a manifestarsi nei primi anni scolastici, evidenziando lampanti deficit nel comprendere le nozioni impartite dalle ...

Come fare assistenza alla persona nell'alimentazione?

L'assistenza è una delle professioni più appaganti a livello etico e morale, perché ci si impegna ad aiutare il prossimo in un’azione che, a cause di forze maggiori, non è in grado di svolgere da solo. Ad esempio, l'assistenza alla persona nell'alimentazione è una mansione estremamente importante, perché si fornisce supporto a chi non è ...

I benefici dello sport per gli anziani

Se lo sport fosse una pillola, la prenderebbero tutti perché offre notevoli benefici sia al corpo che alla mente. Nella cosiddetta terza età diventa ancora più importante rimanere fisicamente attivi perché è proprio la sedentarietà a esporre a varie patologie e limitazioni funzionali. Il movimento quindi frena gli anni che passano e fa ...

Cos'è l'apprendimento cooperativo?

Diversi studi hanno dimostrato come si possano migliorare abilità, competenze e soft skill semplicemente lavorando in gruppo o sotto forma di apprendimento cooperativo. Ad esempio, per superare ostacoli all'apparenza insormontabili, affidarsi al gioco di squadra o al lavoro in team può diventare la scelta giusta. L'apprendimento ...

La comunicazione empatica in ambito educativo

L'educatore e autore statunitense, Stephen Covey, definisce ascolto empatico quella modalità di ascolto che si pone l'obiettivo di comprendere l'altro. Per ascoltare in modo empatico, non basta solo l'uso delle parole: il 10% della comunicazione è basata sull’espressione verbale, il 30% sui suoni e il restante 60% sul linguaggio del corpo. ...